In molti si domanderanno chi sia Andrea Benini. Molti lo conoscono con il suo nome artistico Mop Mop. Poco conosciuto in Italia, ma apprezzato e rispettato a livello internazionale. Si tratta di un musicista nato nel 1977 a Cesena, sì proprio in Italia. Questo artista, produttore musicale e compositore lavora mescolando in modo innovativo e accurato generi che spaziano dal jazz alla musica da club, senza farsi mancare delle sonorità funk davvero uniche.

Il giovane Andrea inizia la sua carriera musicale all’età di 10 anni, quando la chitarra diviene il suo amico più stretto. Successivamente, all’età di 14 anni inizia ad appassionarsi alle sonorità della batteria. Arrivando al 1999, Andrea decide di spostarsi per vivere a Bologna iscrivendosi all’istituto DAMS (Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo), con l’idea di studiare approfonditamente la musica afro-americana, senza dimenticare ovviamente l’aspetto musicale contemporaneo.

Il cambiamento nella vita di Andrea

Tra il 2000 e il 2003, inizia a lavorare come giornalista per una rivista italiana musicale “Percussioni”, avvicinandosi maggiormente al mondo della musica grazie ad interviste davvero interessanti con personaggi di spicco come John Riley, Terry Clarke, tra i molti intervistati durante quel periodo.

Nel 2005 inizia il progetto che lo renderà famoso a livello internazionale, ecco l’idea Mop Mop. Una fusion tra musica afro, jazz e funk. Con lui troviamo i musicisti Guglielmo Pagnozzi al sax, Alex Trebo al piano, Bruno Briscik al basso, Pasquale Mirra al vibrafono e Danilo Mineo a gestire le percussioni. Un gruppo variegato, variopinto e dalla creatività senza limiti.

Gli album e il riconoscimento internazionale

Il primo album “The 11th pill” esce nel 2005 per l’etichetta Tam Tam Studio. Il successo non dovrà attendere molto. Nel 2007 la canzone “Perfect day” viene scelta da Adrian Gibson per una compilation jazz caratterizzata da una serie di straordinari artisti innovativi.

Nel 2008 nasce il secondo album con il gruppo Mop Mop, “Kiss of Kali”. Questo viene però prodotto dall’etichetta tedesca Infracom Records solo nel 2009.

Nel 2010 la stessa etichetta decide di pubblicare il terzo album del gruppo, “Ritual of savage”. Un album pieno di sonorità calde, traboccante di sensazioni e immagini audio-visive di bellezza senza tempo.

Nel 2012 arriva il riconoscimento a livello internazionale grazie alla canzone “Three times bossa” compresa all’interno della colonna sonora del film di Woody Allen “To Rome with love”. Questa canzone viene composta da Andrea Benini e Alex Trebo e prodotta grazie al denaro di Tam Tam Studio.

Al momento Andrea Benini vive e produce le sue opere nella città di Berlino. Il suo quarto album in studio è stato rilasciato nel 2013, “Isle of magic”, tra gli ospiti all’interno del disco una leggenda del funk come Fred Wesley al trombone e il celebre poeta britannico Anthony Joseph in alcune parti parlate.